domenica 2 dicembre 2012

Trippa alla romana e tanti ricordi....

La mia mamma cucinava in modo divino, aveva un tocco magico ed ogni suo piatto era squisito,  anche una semplice  pasta al burro e parmigiano! Mi ricordo che da piccola ero molto curiosa, così quando la mamma andava in cucina per preparare il pranzo o la cena io la seguivo, lei mi sorrideva, mi faceva lavare le mani, mi diceva quello che cucinava e cosa potevo fare io per aiutarla. In questo modo, quasi in punta di piedi ho imparato ad amare la cucina e ho memorizzato tutte le pietanze che ci ha preparato giorno dopo giorno, ma soprattutto mi sono rimasti impressi gli odori e la mia mente ha fotografato tutti i vari passaggi .E' per questo che oggi porterò nelle vostre tavole un piatto della mia infanzia, che è anche  tipico  della cucina romana: "trippa alla romana" come "la coda alla vaccinara"  vi ricordate? Ma non voglio dilungarmi troppo quindi vi aspetto come sempre nella mia cucina....


                                                                                                  Dana et Dana
















Trippa alla romana e tanti ricordi...

ingredienti per 4 persone


  • 700 gr di trippa (possibilmente precotta)
  • 1 cipolla
  • pomodoro fresco o pelati qb
  • olio evo qb
  • mentuccia romana qb
  • percorino romano qb
  • sale qb

procedimento:

1) sciacquare accuratamente la trippa e se non è preocotta mettetela a bollire un acqua fredda fino a quando sarà morbida (la prova è con una forchetta)












2) in un tegame o come ho fatto io nel wok, mettete l'olio evo, una cipolla e pomodoro, se usate i pelati schiacciateli con la forchetta, salate e fate cuocere qualche minuto












3) appena la trippa è cotta scolate molto bene, quindi tagliatela a strisce e unitela al sugo, chiudete con un coperchio e continuate a cuocere per cira 30 minuti















4) a fine cottura aggiungete la mentuccia romana, impiattate e cospargete con abbondante pecorino romano grattuggiato, servire molto caldo!






Buon appetito!!!

12 commenti:

  1. Mi sembra fatta proprio come si deve, brava! :)

    RispondiElimina
  2. Che buona la trippa, non la preparo mai ma mangerei volentiri la vostra!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi assolutamente cucinarla!
      Buona settimana

      Elimina
  3. tesoro è venuta perfetta una vera meraviglia della nostra più antica tradizione culinaria!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  4. A Trieste si usa fare la trippa ma mooolto consumata infatti viene tagliata un pò grossa poi si assottiglia altrimenti si disferebbe e con tanto tanto formaggio.Non usiamo la mentuccia e si mette usualmente il parmigiano reggiano. A me però non piace la faccio per maritozzo con la polenta. buona settimana.

    RispondiElimina
  5. Cara Edvige, prova a fare la "trippa alla romana" così come l'ho preparata io, portala in tavola al tuo "maritozzo" e fammi sapere...ma assaggiala anche tu perchè è vramente buona!
    Bacioni
    Dana et Dana

    RispondiElimina
  6. grazie per gli affettuosi auguri!
    buonissimo piatto e bellissimo ricordo, cercherò con la piccola di costruire anch'io tanti ricordi culinari, non vedo l'ora di regalarle il primo grembiulino!

    RispondiElimina
  7. Anche io sono cresciuta in una famiglia dove si cucinava con amore e non per dovere e ho dei ricordi, dei profumi e dei sapori indimenticabili...ma ora passiamo a questa trippa, che io faccio sempre alla fiorentina, ma per una volta potrei anche cambiare regione..perchè mi intrippa assai questa tua ricettina :-))))) a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto contenta che ti "intrippa"...
      Bacioni

      Elimina

Grazie per essere passati ^-^
un vostro commento o semplicemente un saluto sarà graditissimo *-*

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...